Precedenza ex l. 104/92 ignorata. Si torna a casa

Con sentenza del 29 giugno u.s., il Tribunale di Foggia, riconoscendo le ragioni del docente assistito dall’Avv. Giuseppe Minissale, lo assegna, con precedenza, al primo degli ambiti indicati in domanda di mobilità 2016. Ancora una volta le falle della contrattazione integrativa devono essere colmate dentro le aule di giustizia.
Di seguito il dispositivo della sentenza n. 5929/2017:

“La resistente Amministrazione non ha contestato il titolo in questione, in ogni caso dimostrato dalla documentazione prodotta; risulta pure che il ricorrente, nella domanda, abbia fatto espresso richiamo alla preferenza in questione. Nulla sul punto è stato dedotto in ordine al rigetto della domanda.
Nella lettura della disposizione contrattuale, non del tutto chiara nello statuire che il personale, di cui ai punti 1) e 3), fermo restando il diritto a fruire della precedenza se partecipa ai movimenti, può usufruire di tale precedenza nell’ambito e per la provincia in cui è ubicato il comune di residenza, a condizione che abbia espresso come prima preferenza il predetto comune di residenza oppure una o più istituzioni scolastiche comprese in esso, va letta evitando conflitti con la norma inderogabile (art. 601, d.l. 297/1994: 1. Gli articoli 21 e 33 della legge quadro 5 febbraio 1992, n. 104, concernente l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate si applicano al personale di cui al presente testo unico. 2. Le predette norme comportano la precedenza all’atto della nomina in ruolo, dell’assunzione come non di ruolo e in sede di mobilita’).
Il ricorrente ha indicato come primo ambito quello Sicilia 0013, che, per non contestata allegazione, è quello che comprende il comune di residenza (Messina).
Sicché la domanda va accolta limitatamente a tale profilo.
In ragione della particolarità della materia e delle superiori considerazioni relativa alla ammissibilità del capo di domanda come formulato per violazione del punteggio, si dispone compensazione delle spese.
PQM
Il Tribunale di Foggia, definitivamente pronunciando, ogni diversa istanza ed eccezione disattesa o assorbita, sulla domanda proposta da ************* così dispone:
– accoglie la domanda;
– condanna il MIUR ad assegnare a riconoscere al ricorrente la precedenza indicata in motivazione e ad assegnarlo all’Ambito Sicilia 0013 o ad altro viciniore nella provincia di Messina, nel rispetto dell’ordine di preferenza già espresso dal ricorrente;
– compensa le spese.
Foggia, 29 giugno 2017
Il Giudice
Firmato Da: ANTONUCCI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *