PRECEDENZA 104 RICONOSCIUTA DAL TRIBUNALE DI FOGGIA

IL DIRITTO DI PRECEDENZA EX LEGE 104/92 SPETTANTE AD UN DOCENTE, NON RICONOSCIUTO PER ERRORE DURANTE LA MOBILITA’ 2016/17, VIENE RIPRISTINATO CON SENTENZA DEL TRIBUNALE DI FOGGIA.

Un docente di Messina con diritto di precedenza, ai sensi dell’art.21 della legge 104/92, ha partecipato alla mobilità straordinaria 2016/17 indicando nella domanda di trasferimento di usufruire della suddetta precedenza nel primo ambito corrispondente al comune di residenza ed allegando la certificazione attestante lo stato di handicap (art.3, comma 1 della Legge 104/92) e l’invalidità superiore ai 2/3 (Legge n.295 del 15/10/1990).

Ciò nonostante, all’esito della procedura di mobilità, il docente, ha ottenuto l’illegittima assegnazione nella regione Puglia in un ambito del foggiano.

A nulla sono valsi i tentativi di rettifica in via di autotutela dell’illegittimo trasferimento intrapresi da questo studio legale nei confronti degli USP territorialmente competenti per il riconoscimento del diritto del docente, titolare di precedenza ex L.104/92.

Ebbene, solo a seguito dell’esperita azione giudiziaria, il giudice, dr. Antonucci, del Tribunale di Foggia, sezione Lavoro, ha condannato il Miur a riconoscere al docente il diritto di precedenza ed ad assegnarlo in Sicilia nell’ambito del comune di sua residenza.

La decisione del giudice si è fondata sul principio indicato nell’art. 21 della Legge 104/92, peraltro incorporato nell’art. 13 del CCNI 2016/17 (sistema delle preferenze), che attribuisce ai portatori di handicap, di cui all’art. 21, alcune significative agevolazioni come il diritto di “scelta prioritaria tra le sedi disponibili” (comma 1) e la “precedenza in sede di trasferimento a domanda” (comma 2).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *