ABILITAZIONE MAGISTRALE E PIANO STRAORDINARIO L.107/2015: C’È OBBLIGO DI ASSUNZIONE!

Lo studio che si occupa, ormai da tempo, di diritto scolastico, tutela gli interessi di quei docenti i cui diritti, costituzionalmente garantiti, vengono ignorati dal Miur, ivi compresi quelli di coloro ai quali è stata preclusa, loro malgrado, la partecipazione al piano straordinario di assunzione ex L. 107/2015, pur in presenza di tutti i requisiti di legge.
Gli aspiranti docenti, infatti, pur essendo stati inseriti in GAE con riserva all’esito di provvedimenti giudiziali favorevoli, hanno subito l’ingiustizia di veder esclusa, per loro, la possibilità di presentare domanda di aggiornamento della propria posizione nelle graduatorie ad esaurimento, concessa, invece, esclusivamente ai docenti già inseriti a pieno titolo nelle GAE e, dunque, registrati nella piattaforma telematica denominata “istanze on line” (così il D.M. 235/2014).
Alcuni docenti, a causa del ritardo nell’inserimento in graduatoria a pieno titolo, entro il termine ultimo fissato per la presentazione della domanda, si sono visti negare l’accesso alla piattaforma telematica con la conseguenza del venir meno della possibilità di essere assunti a tempo pieno ed indeterminato; tale illegittima ed ingiusta inadempienza del MIUR ha infranto in un colpo solo le legittime aspirazioni di questi docenti, impedendo di coronare il sogno della propria esistenza.
Supportati da autorevole giurisprudenza sia amministrativa che giuslavoristica, lo studio ha deciso di schierarsi, ancora una volta, al fianco di detti docenti patrocinando le prime cause volte al riconoscimento del pieno diritto soggettivo all’assunzione sia in ragione dell’illegittimità della loro esclusione dal piano straordinario sia in considerazione del numero di posti assegnati inferiore a quelli realmente disponibili.
Per qualsiasi ulteriore dettaglio non esitate a contattarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *